Photography | Giornata Mondiale della Fotografia

noemicilenti-photo1

Tutti noi conosciamo la fotografia, mai come negli ultimi tempi il termine “fotografia” è diventato un nome familiare e talvolta abusato.

Quanti di voi (veri) fotografi hanno incontrato persone tra conoscenti, sconosciuti, parenti lontani, amici di vecchia data, che non abbiano pronunciato la temibile frase “Ah sei un fotografo? Anche io ho la passione per la fotografia!”. Sappiate (e stampatevelo a mente) che quando confidate a noi fotografi del mestiere (o a chi sta intraprendendo la carriera) che essere appassionati di fotografia non significa che anche tu che hai comprato l’altro ieri una reflex Canon sei un fotografo: ma ciò non significa che tu non possa essere migliore di noi nella fotografia naturalistica e un grandissimo appassionato di immagine.

Mi piace riferirmi sempre al pensiero di Settimio Benedusi riguardo i “fotografi”, e potete leggerlo qui sul suo blog: http://www.benedusi.it/blog/photographers/

“Su cento persone che si definiscono fotografi ci sono: i fotoamatori assoluti, i fotoamatori che pur avendo un altro vero lavoro si atteggiano da professionisti, le persone che per mille e una ragione non hanno problemi di soldi e fanno come se fossero fotografi professionisti, i fotografi professionisti, e poi ci sono gli chef”. Ritengo Settimio Benedusi uno dei fotografi italiani migliori dei nostri tempi, insieme al fantastico Oliviero Toscani, per la loro visione di fotografia, non vista solo ed eslusivamente come professione ma come parte integrante del loro io.

La fotografia è vita, è anima, è un linguaggio universale, è ricordo ed emozione, è sorriso e lacrima. La fotografia siamo noi.

La fotografia piace a tutti, proprio come le patatine fritte. A chi non piacciono le patatine fritte?! Appunto.

Quindi godiamoci questa giornata mondiale dedicata alla fotografia, ben 177 anni di dagherrotopia, di immagini, di storia e di vita.

La fotografia è di tutti, la fotografia siamo noi.

Per festeggiare questo 177esimo anniversario ho scelto delle fotografie a me molto preziose, a molti diranno nulla, a me raccontano tanto e ogni volta che le guardo è come rivivere quella mattina presto di fine luglio del 2013. Avevamo viaggiato tutta la notte dopo aver festeggiato il compleanno di un nostro amico, destinazione Jesolo. Il mare che trasmette calma, malinconia e ricordi, gli amici che camminano lasciando le impronte nella sabbia e l’acqua a riva dove si notano i piedi di una ragazza in solitudine, in attesa di qualcuno, di quel qualcuno che è andato lasciando impronte nella sabbia. Mi piace collegare quest’ultima fotografia ad una canzone “Watch over you” (“Vegliare su di te”) come se quella persona fosse un sostegno importante, un amore profondo che ha lasciato il segno. Può sembrare triste, io invece attorno a questa storia malinconica ricordo solo ciò che non è stato fotografato con la macchina fotografica ma con la mente: quella persona era accanto alla ragazza e il suo sorriso è stato immortalato al di là di una semplice immagine.

ncphoto-watch-over-you

noemicilenti-photo2

noemicilenti-photo3

Vedete, la fotografia ha un potere pazzesco, il ricordo al di là di tutto, indelebile, bellissimo, un’ immagine che racconta una storia al di là delle onde del mare.

 

© NC Photography - Archivio Fotografico Noemi Cilenti. Tutti i diritti sono riservati.
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s